Stampa questa pagina

Il bastione del Parco

Il Monte Marsicano:
una escursione che non si dimentica!

La salita al Monte Marsicano è un evento ricorrente per gli abitanti di OPI che ogni anno, in agosto, salgono numerosi fino alla vetta coronata da una croce luminosa. Le pendici del Marsicano, grazie alla loro esposizione, sono state nei secoli la culla di insediamenti preromani e sanniti. Esse racchiudono le rovine della mitica città di Fresilia, alcune fonti dedicate ad antiche divinità (Giove, Vertunno), e i primi insediamenti prodromi del villaggio di OPI. Più recentemente, fino alla metà del secolo scorso, sono state di sostentamento alla economia domestica dei cittadini di OPI, con la presenza di decine di capanne che ospitavano piccole greggi stanziali e consentivano la raccolta delle ghiande per l’alimentazione del maiale domestico. La salita in quota si può snodare su diversi percorsi, sulle tracce dei pastori transumanti che stabilivano l’alpeggio in quota durante l’estate, utilizzando i tre stazzi ancora presenti. La genziana è la regina assoluta della flora che adorna la montagna. In quota lo sguardo spazia su tutto l’appennino centrale. Branchi di cervi e di camosci si contendono gli immensi pascoli. L’aquila reale popola i dirupi che dalla vetta si dispiegano a valle per centinaia di metri. L’orso si rifugia nella sottostante valle “Orsara”. Si raggiunge la quota di 2240 metri s.l.m. con un dislivello di 1250 metri. La salita richiede circa 4 ore. La discesa altrettanto

 

monte marsicanoDIFFICOLTÁ: alta

DISLIVELLO: 1150  m

ETÁ: 12+ 

PARTENZA: ore 7,00

RIENTRO: ore 17,00

COSTO: 15,00 € a persona - Numero minimo di partecipanti: 8

CALENDARIO: tutti i fine settimana da ottobre a maggio. Venerdì da luglio a settembre.

EQUIPAGGIAMENTO: Pranzo al sacco  (a cura della organizzazione, su richiesta)

 

Prenotazioni: Entro le ore 18 del giorno precedente, presso la sede della Coop. So.R.T. in Val Fondillo oppure telefonando al n. 331.9727262.

 

 

 

 

Letto 2734 volte